3e étage

Il 3° piano del Palais Garnier accoglie storicamente il Corpo di Ballo dell’Opéra di Parigi, a cui buona parte dei danzatori di 3e étage e lo stesso Murez appartengono.
Il nome è dunque evidente espressione del legame con la tradizione e l’eccellenza della maison parigina; è la base solida e gloriosa su cui Murez costruisce un progetto semplice ma affatto banale: sia che porti in scena il grande repertorio, sia che presenti una nuova creazione, ogni spettacolo di 3e Étage deve essere fruibile tanto ai neofiti che agli habitués della danza, così da aprire le porte dei teatri ad un pubblico il più vasto possibile. I danzatori, totalmente coinvolti nelle scelte artistiche e nel processo creativo dell’ensemble, regalano al pubblico spettacoli di rara godibilità, di cui Petites Virtuosités Variées, per la prima volta in Italia al Teatro Ponchielli di Cremona,  il 16 aprile, è prova evidente.

Superando i limiti della forma definita “gala”, che troppo spesso si esaurisce nella successione arbitraria di pezzi indipendenti, Petites Virtuosités Variées soddisfa sia chi desidera assistere ad uno spettacolo piacevole, sia il conoscitore più esigente, abituato a mettere alla prova le proprie aspettative.  Il virtuosismo, una delle linee guida del gruppo sin dalla sua origine, qui non si lega alla sola esecuzione della coreografia, ma anche alla cura di tutti gli elementi coinvolti nella messa in scena: dalla luce alla musica, dai costumi alla stesura dei programmi proposti.  Nel pensiero di Samuel Murez, la piacevolezza di uno spettacolo è solo un aspetto dello stesso, e non è di ostacolo alla sua profondità, alla sua intensità. 

In occasione dell’unica data italiana della compagna, il 16 aprile prossimo, il pubblico avrà il piacere di vedere in scena un vero e proprio beniamino del pubblico francese, il giovane Francois Alu, ‘Premier Danseur’ dell’Opéra de Paris.

Alu, grazie alle grandi doti tecniche, atletiche e alla straripante energia, a soli sedici anni entra a far parte del Corpo di Ballo dell’Opéra di Parigi diventandone, nel 2013 primo ballerino. Sin da giovanissimo, il dinamismo e la creatività che lo contraddistinguono, trovano un naturale sfogo anche al di fuori dei palcoscenici dell’Opera, con progetti che lo vedono spesso protagonista all’interno di 3e étage.

Info: tel: (+39) 051 2910 440 / fax (+39) 051-612 5800 – www.livearts.eu

Previous post

La teoria dello sciame intelligente

Next post

Trattato di economia al Quarticciolo

No Comment

Leave a reply