Al teatro Augusteo la fantasia sale sulle punte

 Un omaggio alla fantasia come massima espressione della creatività. È questo il filo rosso che attraversa le coreografie realizzate per la due giorni di danza che si terrà venerdì 25  e sabato 26 maggio al Teatro Augusteo di Salerno organizzata dalla scuola diretta da Antonella Iannone. Più di cento tra ballerine e ballerini saliranno sul palco per dar vita a quel racconto sulle punte che attinge a piene mani dalle tavole dei creatori Disney così come dal romanzo “Nostre-Dame de Paris” scritto da Victor Hugo e dalle pagine del romanzo di Lewis Carroll, “Alice nel paese delle meraviglie”. Un gioco di colori e di atmosfere si susseguirà a partire da venerdì 25 maggio quando dalle ore 20 i riflettori si accenderanno sulle classi delle allieve più piccole. Dopo la parte tecnica con le musiche di W.A. Mozart e l’Adagio costruito sulle note di Mendelssohn, saranno i personaggi di “Alice nel paese delle meraviglie” a tessere, coreografia dopo coreografia, il percorso tersicoreo; per il finale della prima serata il team della scuola di Antonella Iannone ha pensato ad una tavolozza disneiana con tanto di dalmata, nani, Mary Poppins, Minnie, uccellini e Cenerentola a far da protagonisti della scena. Cinque sono quest’anno le diplomande che terranno al Teatro Augusteo il passo di addio: Valeria Allocca, Simona Isacco, Julia Sara Napoli, Francesca Palmieri Alessandra Vitolo. Ad accompagnarle saranno Antonello Apicella, Simone Liguori e Luigi Pagano.

Per lo spettacolo di sabato 26 maggio, sempre con inizio alle ore 20, sarà la musica di F. Mendelsshon ad accompagnare le allieve e gli allievi dei corsi superiori di danza classica nella loro esibizione. A seguire sarà la danza moderna a rileggere la saga cinematografica “Pirati dei Caraibi”; mentre per il classico saranno proposte delle scene dal balletto “Esmeralda”, in origine coreografato da Jules Perrot su musica di Cesare Pugni.

Sarà la danza contemporanea a chiudere la seconda ed ultima giornata con “Noi donne del mondo”, un vero e proprio manifesto della danza in difesa dei diritti delle donne.   

Per informazioni: 089 797614 – 3336454642 (Antonella Iannone)

 

Previous post

Gershwin Suite e Schubert Frames al Festival Danza Estate

Next post

Nessuno, centomila, uno