All’Improvviso Festival

All’Improvviso Festival si apre sul panorama culturale estivo bolognese per mettere in evidenza l’improvvisazione come metodologia pedagogica e creativa nei linguaggi della danza, della musica e della parola. Il festival si terrà nella settimana dal 16 al 23 luglio lungo le strade, le piazze e i luoghi del Quartiere Savena prevedendo laboratori per la cittadinanza, performance urbane, set d’improvvisazione e master class dedicate all’aggiornamento e allo studio rivolti a tutte le generazioni, favorendo l’incontro tra arte e cittadinanza nella specifica declinazione di arte contemporanea e periferia urbana. Il festival All’Improvviso fa parte di Bologna Estate 2018, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna, in collaborazione con il Quartiere Savena. 

Gli artisti di questa prima edizione, oltre alla Compagnia EkoDanza, da cui nasce l’iniziativa, sono Rosita Mariani, Juan Luis Matilla Terrones, Silvia Mei, Fedra Boscaro, Alessandro Altarocca ed altri musicisti della scena jazz bolognese. 

Juan L.M. Terrones è un coreografo di Siviglia che nel 2009 ha vinto il Primo Premio del Concorso Coreografico di Madrid, con il cortometraggio “La sfortuna o la mancanza di talento” che ha presentato nella sua versione completa nel 2011 al Teatro Centrale di Siviglia. Alla fine del 2012 ha pubblicato il suo primo singolo, “Sad Dance Therapy” e ha iniziato a preparare “Acostumbrismo, un pellegrinaggio a Saint Tropez”, una produzione del Festival Internazionale di danza di Itálica. 

Juan sarà impegnato durante la sua residenza a Bologna su diversi progetti: un laboratorio rivolto a cittadini intitolato “Error” dove il linguaggio poetico del movimento e della musica si mette a disposizione di tutti, coinvolgendo i partecipanti in un’esplorazione giocosa ed inusuale. Il laboratorio si svolgerà il 20-21-22 luglio. Domenica 22 luglio presso il Parco del Paleotto alle ore 19:00 ci sarà una restituzione pubblica del laboratorio. 

Giovedì 19 luglio Juan presenterà “Da Mopa”, un concerto principalmente musicale, ma che affronta il dilemma della rappresentazione dello spettacolo di danza trasportandoci in un “concerto di danza”. “Da Mopa” è una proposta che irrompe nella struttura classica della coreografia, per avvicinarsi maggiormente allo spettro musicale e sperimentare dei confini tra le discipline contemporanee. Questa performance avverrà al Villaggio delle due Madonne (piazza Lambrakis) alle ore 21:30. 

La mattina di Venerdì 20 luglio terrà una master class per danzatori professionisti, insegnanti e tutti coloro interessati ad avvicinarsi all’improvvisazione come opportunità pedagogica. 

Rosita Mariani è una danzatrice, ricercatrice nell’ambito del corpo in movimento, coreografa e direttrice artistica di “lucylab.evoluzioni”, compagnia impegnata nella ricerca sull’umanità in movimento. Rosita Mariani organizza laboratori e workshop che sviluppano la ricerca in direzione dell’improvvisazione e della creazione coreografica. Collabora con il Teatro Carcano, AIDA, Accademia delle Belle Arti di Brera e parallelamente progetta e conduce laboratori educativi di 

movimento e danza nella scuola pubblica destinata a bambini della scuola primaria. Attualmente si sta formando come Educatore del Movimento Somatico presso The School for Body-Mind Centering e dal 2015 è membro del Conseil International de la Danse dell’Unesco. 

Rosita Mariani, all’interno del Festival, svolgerà una master class sull’improvvisazione intitolata “Prove di trasmissione” in cui si indagherà sul processo creativo a partire dall’esperienza corporea attraverso gli strumenti dell’anatomia esperienziale e del movimento somatico che avverrà martedì 17 luglio dalle ore 10 alle ore 13. 

Inoltre, presenterà la sua opera intitolata “Cartoline dal Corpo”, gioco performativo di reciproco scambio di movimento e di parola con lo scopo di creare un significato collettivo delle parole pensate dal corpo di tutti i partecipanti che avverrà martedì 17 luglio alle ore 21:30. 

Silvia Mei è ricercatrice, critica e curatrice teatrale indipendente. Insegna come contrattista presso il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna e la Scuola per attori del Teatro Stabile di Torino. Scrive per la webzine «Culture Teatrali», di cui è co-editor; svolge formazione del pubblico per diverse realtà, tra cui l’Arena del Sole – ERT Fondazione; cura progettualità per La Soffitta – Centro di promozione teatrale dell’Università di Bologna e collabora come consulente per diversi festival multidisciplinari. Si occupa di estetica teatrale e di ibridazione dei linguaggi artistici in una prospettiva storica. Terrà una lezione teorica dal titolo “Nel giardino del re”. Radici storiche dell’improvvisazione e pratiche nel contemporaneo” giovedì 19 luglio ore 10:00 presso la biblioteca Natalia Ginzburg. 

Gli artisti di casa, i danzatori della compagnia Ekodanza di Roberta Zerbini, presenteranno alcune improvvisazioni estemporanee che vedranno coinvolti un danzatore e un musicista in luoghi inusuali del quartiere, per permettere un dialogo con i cittadini e una possibilità d’incontro tra l’arte e la periferia della città. 

Saranno poi impegnati in una improvvisazione tra danza e musica sabato 21 Luglio ore 21:00 alla Villa Mazzacorati di Bologna, storica e suggestiva villa del 700 che accoglie spesso sperimentazioni vicine ai linguaggi contemporanei. 

Un ultimo progetto performativo che prevede e necessita la collaborazione degli abitanti del quartiere sarà “SAVENA MAZE” di Fedra Boscaro, un’audio guida performativa che si traduce in una passeggiata notturna tra diversi condomini, accompagnati da un commento poetico, sonoro e drammaturgico. La colonna sonora della performance verrà trasmessa in streaming in modo che il pubblico potrà ascoltarla collegandosi online attraverso i propri smartphone e cuffie. Per i cittadini che fossero interessati a contribuire alla costruzione della performance sono invitati a contattarci (vedi sotto). 

Tutti gli eventi performativi saranno gratuiti (le masterclass sono a pagamento, riduzioni entro il mese di Giugno).

Per maggiori informazioni visita il sito www.ekodanza.it o chiama nr 051/443494 o invia una mail a festivalallimprovviso@gmail.com.

Il festival All’Improvviso, gode del patrocinio della Regione Emilia Romagna, ha la direzione artistica di Roberta Zerbini e l’organizzazione e segreteria generale di Martina Delprete e Valeria Covella. (Vuoi partecipare al festival come collaboratore? invia la tua candidatura entro il 30 Giugno, sarà un’esperienza formativa molto interessante) 

Previous post

Festival A Levar l’Ombra da Terra

Next post

Arriva Don Chisciotte alla Scala di Milano