Danza per gli Over 60 al TDL e a CosiArte ad Ostia

L’Associazione TDL in collaborazione con CosiArte propongono DANZE: Percorso laboratoriale di danza e creatività dedicato agli Over 60. Sono previsti 4 incontri di 2 ore ciascuno, di Mercoledì mattina dalle 10.30 alle 12.30, di cui 2 al Teatro Del Lido e 2 a CosiArte (entrambe le strutture ad Ostia Lido Roma).

Muoversi e danzare insieme fa bene. Quando si è più maturi si esplorano sentieri rispettosi degli equilibri voluti, cercati, trovati.

Danze pone al centro del percorso la persona e la sua ricerca di uno spazio creativo da condividere assieme al gruppo attraverso la danza e il movimento. È un percorso laboratoriale dedicato alla pratica e all’esplorazione del movimento danzato in una dimensione che risponde al desiderio di azione e riposo, di espressione e ascolto di sé e degli altri, di comunicazione, di creatività e di comunità.

Mercoledì 4 Aprile e Mercoledì 11 Aprile a CosiArte – Mercoledì 18 Aprile e Mercoledì 2 Maggio al Teatro Del Lido Via delle Sirene 22 Ostia Lido.

Costo simbolico di ogni incontro 8 euro. E’ necessaria la prenotazione via mail, lasciando il nome, cognome e il numero di cellulare entro Venerdì 30 Marzo.

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
CosiArte Lungomare Lutazio Catulo 14 Presso Pinetina Beachvillage Ostia Lido Roma
Tel: 06/87 69 16 33 – Rozenn 333 31 03 553 – Silvia 338 13 58 655
Mail: cosiarte@libero.itrozenn.corbel@libero.it
Facebook: CosiArte

Laura Delfini

Insegnante di danza, danzeducatrice®, coreologa, analista del movimento, counsellor, esperta di comunicazione non verbale. 
La mia attività di insegnamento della danza si svolge in diversi contesti: scuole di danza, università e altri contesti sociali.
Nel mio percorso di ricerca pratico-teorico mi occupo di creatività, improvvisazione, coreografia e coreologia, qualità delle relazioni, didattica. Ho collaborato con alcune università in Italia e prestigiosi centri di danza italiani e stranieri; autrice di diversi articoli, ho curato pubblicazioni e convegni.
Amo la danza come realtà di condivisione collettiva, come possibilità di espressione individuale e come ambiente ‘narrativo’ di sé.

 

Previous post

Ritmi sotterranei 8X8=64

Next post

La Signora delle Camelie del Bolshoi

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *