La Bella Addormentata al Costanzi di Roma

Torna al Teatro Costanzi il balletto La bella addormentata di Jean-Guillaume Bart, da sabato 15 a domenica 23 settembre 2018, con due ospiti internazionali d’ eccezionale bravura per la prima volta al Teatro dell’Opera di Roma, entrambi principali dancer al Royal Ballet di Londra, Marianela Nuñez, nel ruolo di Aurora e Vadim Muntagirov, in quello del Principe Désiré.

La bella addormentata è, per cronologia, il secondo dei tre balletti di Pëtr Il’ič Čajkovskij: debutta al Teatro Marijnsky di San Pietroburgo nel gennaio 1890,riceve una discreta accoglienza e diventa negli anni una pietra miliare del balletto classico.

Nel corso del 2017 l’elegante versione di Bart, con le magnifiche scenografie e i preziosi costumi del Maestro Aldo Buti, è stata ben accolta dalla critica e molto amata dal pubblico del Teatro Costanzi e del Teatro La Fenice di Venezia, dove il Balletto del Teatro dell’Opera di Roma ha danzato a maggio 2017. Bart ha lavorato a questo titolo concentrando la sua attenzione sulla coerenza drammaturgica. Ha ascoltato la partitura musicale con un altro approccio rispetto a quello di Petipa e l’ha utilizzata nella sua interezza per dare una maggiore unità teatrale all’opera coreografica. In questa sua versione il Corpo di Ballo non è un’immagine sullo sfondo, ma è protagonista così come lo è il principe Désiré al quale è dato molto più spazio danzato. Il riallestimento è affidato a Madame Patricia Ruanne che ha seguito il maestro Bart dalle prime prove. Alle due stelle ospiti seguono, per le restanti date, i primi ballerini del Teatro dell’Opera di Roma, Susanna Salvie Claudio Cocino. L’étoile Alessandra Amato è laseducente Fata Carabosse. Dirige l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma il Maestro Nicholas Brochot.

Prima rappresentazione: sabato 15 settembre ore 20.00;

repliche: domenica 16 settembre ore 16.30; martedì 18 settembre ore 20.00; mercoledì 19 settembre ore 20.00; giovedì 20 settembre ore 20.00; venerdì 21 settembre ore 20.00; sabato 22 settembre ore 18.00; domenica 23 settembre ore 16.30.

Per Informazioni:operaroma.it

Previous post

La danza al festival dello spettatore

Next post

The kitchen theory