La Morte e la fanciulla di Abbondanza/Bertoni, la toccante prima romana

“… perché davanti alla morte siamo tutti nudi.”

                                                (Antonella Bertoni)

Spettatori in ritardo si affrettano a prendere posto sotto le luci ancora accese della sala quando tre giovani fanciulle, una dopo l’altra, si posizionano a un angolo della scena. Con abiti neri e lunghi capelli irrompono silenziosamente nel parlottio del pubblico, è l’attesa … nel silenzio e nell’ immobilità del tempo sospeso la triade angosciosa lascia presagire l’arrivo inaspettato de … La morte e la fanciullal’ultimo lancinante “capolavoro” di Abbondanza/Bertoni in prima romana al Vascello. Il testo di Claudius si comporta come il fantasma di un filo drammatico, il macabro del buio e la nebbia della scena assicurano l’ispirazione romantica che in alcuni momenti si dilegua nella visione cinematografica dell’horror. La proiezione sullo schermo è l’altra inquietante presenza che diventa anche occhio dello spettatore dietro le quinte e dall’alto assistiamo alla svestizione…Ignare di questo, completamente nude, entrano in scena Eleonora Chiocchini, Valentina dal Mas e Claudia Rossi Valli che stanno per dare inizio ad una straordinaria, macabra partitura danzata. Ogni nota di Schubert è resa visibile dal movimento delle tre fanciulle in una danza similmente labaniana che rende bene il piacere e la leggerezza giovanile, riparo migliore dalle avversità della vita. La danza, incessantemente, rasenta la morte in una nera atmosfera di fumo e luce che avvolge i corpi innocentemente nudi. La morte e la fanciullarimanda completamente al “femminile”, il sesso, la bellezza, la spensieratezza nel suo momento migliore: la fanciullezza. Nel silenzio del preambolo figure oscure sembrano citare talvolta un’anticristiana Trinità, a volte una michelangiolesca“Pietà” rovesciata, insomma come la morte in giovane età, immagini prive di misericordia e clemenza. Nella danza, invece, a volte le danzatrici sono nel cerchio di Matisse, a volte nel paradiso di Masolino, altre ancora come menadi perse nel bosco. Ad un certo punto terminano immobili come in un dipinto di Ramon Carbò Casas. Nel balletto la morte è decisamente “donna”, il pensiero non fiora nemmeno per un istante il maschile che pare sia invece al centro della seconda parte della trilogia, Erectus, di cui La morte e la fanciullaè uno straordinario inizio. Pelleas und Melisandeconcluderà la triade di Abbondanza/Bertoni che, dopo Romanzo d’infanziariconfermano al pubblico romano quanto la danza contemporanea italiana abbia tanto da offrire.

Previous post

Milano Contemporary Ballet danza al Castello Sforzesco  di Milano

Next post

Carmina Burana alla Necropoli della Banditaccia di Cerveteri