Milano Contemporary Ballet danza al Castello Sforzesco  di Milano

In occasione di Estate Sforzesca, la compagnia Milano Contemporary Ballet presenta, venerdì 3 agosto 2018, TREdiTREe CHRONOS, coreografie di Roberto Altamura e Vittoria Brancadoro. Una serata dedicata alla danza contemporanea nella suggestiva cornice del Cortile delle Armi del Castello Sfornisco di Milano.

TREdiTRE, lavoro creato da Roberto Altamura nel 2016,utilizza il corpo delle tre danzatrici come strumento al servizio del movimento e della musica. L’alternarsi di estetica, tecnica e qualità regala al pubblico una danza potente, musicale, nervosa e dinamica, fatta di respiri, forza, delicatezza e ironia, in cui le interpreti utilizzano il movimento per arricchire di nuove sfumature le composizioni di Vivaldi. La scelta dei colori, quelli dei costumi disegnati da Eleonora Gavazzi, non è casuale: simili ai colori primari, le danzatrici rappresentano persone ed entità a sé stanti, pronte però, quando si incontrano, a fondersi in un tutt’uno.

La seconda parte del programma vede in scena CHRONOS, creazione di Roberto Altamurae Vittoria Brancadoro per dieci danzatori. Meditazione su un tempo perennemente rincorso, CHRONOS racconta in cinque sezioni, dove si susseguono duetti e interventi corali, le diverse dinamiche e percezioni del tempo. Il movimento  dei corpi crea una danza autentica, fisica e dal forte impatto emotivo, dove alla musica si alternano i silenzio spesso rotti dagli espressivi ansimi dei danzatori. Una scena cromaticamente variopinta e di forte impatto visivo è creata dai costumi di Beatrice Garofolie dal light design di Manuel Garzetta.

 

Per informazioni:

www.milanocontemporaryballet.com 

https://www.facebook.com/estatesforzesca/

http://www.comune.milano.it/estatesforzesca

 

Biglietti: posto unico non numerato 15€

Acquistabili la sera stessa dello spettacolo nei seguenti orari:

17.30 – 19.30 e 20.30 – 21.30

Crediti foto allegate: Benedetta Pitscheider

Previous post

El tanguero de Sevilla

Next post

La Morte e la fanciulla di Abbondanza/Bertoni, la toccante prima romana