Ritmi sotterranei 8X8=64

Dopo la vittoria al Festival inDivenire, progetto ideato da Alessandro Longobardi con la direzione artistica di Giampiero Cicciò, torna sul palcoscenico dello Spazio Diamante, venerdì 16 febbraio, 8X8=64, il suggestivo spettacolo dell’ensemble Ritmi sotterranei, diretto dalla coreografa Alessia Gatta, la quale fonde espressioni corporee, teatro-danza, Qi gong, e diverse arti marziali per trasportare all’interno di tempi antichi tra oriente e occidente e varie identità culturali. Per vivere a pieno alcune di queste identità e permettersi la briga di indagarne una contaminazione, Ritmi sotterranei si avvale per questo progetto della collaborazione di Sergio Raimondo, presidente della Chen Xiaowang World Taijiquan Association-Italia e inserito nella genealogia della famiglia Chen come rappresentante della XX generazione.

Sin dall’antichità, sia in Occidente che Oriente, il numero 8 è presente in molte espressioni culturali, con funzioni importanti, dalla sfera religiosa alla matematica, dalla filosofia alla nomenclatura dei venti e del sistema solare, dall’architettura al gioco degli scacchi.

Questi mondi tanto diversi quanto collegati dal minimo comune denominatore di un ritmo numerico si connettono in maniera celata e imprevedibile al mondo delle espressioni corporee: dal Qi-gong alla danza cosi come è stata codificata nella cultura occidentale, il numero 8 si insinua alla base delle partiture coreografiche, scandisce un tempo, risuona nei respiri, limita le azioni, argina l’imprevisto. La coreografia intende esplorare gli interstizi e le interferenze che il numero otto stabilisce tra ordini di pensiero molto distanti tra loro. In scena quattro interpreti, la metà di un pieno ipotizzabile nel numero otto.

Il progetto, presentato in fase embrionale al Festival In Divenire, presso lo Spazio Diamante di Roma, si è sviluppato con una fase di approfondimento e completamento del lavoro.

Una performance dotata di un’estetica pulita, priva di sbavature, e un’adesione interpretativa molto matura degli artisti in scena: Gioele Coccia, Marco Grossi, Vanessa Guidolin e Viola Pantano.

[RITMI SOTTERRANEI] è una compagnia di danza contemporanea che si muove tra coreografia e performance. La compagnia si contraddistingue per un’attenzione meticolosa alla sinergia tra movimento, spazio, suono e luce, il tutto legato da una scrittura coreografica fortemente curata nel dettaglio che ha portato la compagnia a misurarsi con numerosi pal- coscenici e festival nazionali e internazionali.

Previous post

Call per danzatori e performer

Next post

Danza per gli Over 60 al TDL e a CosiArte ad Ostia

No Comment

Leave a reply